INCLUSIONE ed INTEGRAZIONE

Pagine

Categorie articoli

Archivio articoli

  • +2018 (79)
  • +2017 (369)
  • +2016 (59)

Il sistema educativo, in coerenza con le attitudini e le scelte personali, promuove l’apprendimento ed assicura a tutti pari opportunità di raggiungere elevati livelli culturali, entro i limiti delle proprie possibilità. I documenti normativi ribadiscono l’importanza della strategia inclusiva della scuola italiana e orientano le singole scuole verso il percorso di inclusione scolastica e la realizzazione del diritto all’apprendimento per tutti gli studenti in situazioni di difficoltà. In particolare l’ultima direttiva ministeriale del 27 Dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” estende il campo di intervento e di responsabilità di tutta la comunità scolastica all’intera area dei Bisogni Educativi Speciali (BES).

L’espressione “Bisogni Educativi Speciali” (BES) è entrata in uso in Italia dopo l’emanazione della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica.

Gli alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione, per ragioni molteplici ed eterogenee, sono in costante aumento. La Direttiva Ministeriale individua quest’area indicandola come svantaggio scolastico;  essa ricomprende problematiche diverse e viene definita come area dei Bisogni Educativi Speciali (BES). Vi sono comprese tre grandi sotto-categorie:

  1. disabilità;
  2. disturbi specifici di apprendimento (DSA) e/o disturbi evolutivi specifici;
  3. svantaggio socioeconomico, linguistico o culturale.

L’utilizzo dell’acronimo BES sta quindi ad indicare una vasta area di alunni per i quali il principio della personalizzazione dell’insegnamento, sancito dalla Legge 53/2003, va applicato con particolari accentuazioni in quanto a peculiarità, intensità e durata delle modificazioni.

DISABILITA’ (L 517/77 / L.104/92 = CERTIFICAZIONE)

  • FISICHE
  • SENSORIALI
  • MENTALE E PSICHICA
  • ALTRE (Orientamento e comunicazione)

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI (L. 170/2010 = DIAGNOSI)

  • DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO-DSA
  • DEFICIT DEL LINGUAGGIO
  • DEFICIT DELLE ABILITÀ NON VERBALI
  • DEFICIT DELLA COORDINAZIONE MOTORIA
  • DEFICIT DELL’ATTENZIONE E DELL’IPERATTIVITÀ
  • FUNZIONAMENTO COGNITIVO LIMITE (BORDERLINE COGNITIVO)

SVANTAGGIO (Dir. Min 2012 / Circ. Min. n.8 = CONSID. PEDAG. DIDATTIC.)

  • SOCIO ECONOMICO
  • LINGUISTICO-CULTURALE
  • COMPORTAMENTALE RELAZIONALE

 

PAI

Piano Annuale Inclusione

del Liceo Giordano Bruno

a.s. 2017-2018

14 + 6 =

Condividi sui socialShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn